Tutto quello che devi sapere per vivere Las Fallas 2016 di Valencia

Tutto quello che devi sapere per vivere Las Fallas 2016 di Valencia

Share Button

Se bisogna scegliere un momento dell’anno per conoscere e vivere Valencia, l’autentica capitale del Turia (quella che non dorme, ma che balla ed è la più viva di sempre), senza dubbio è il mese di marzo. Marzo è il tempo delle fallas (figure che si bruciano la notte di S. Giuseppe), dei mascletás (fuochi pirotecnici), dei despertás (“risvegli”, esplosioni di petardi), della paella e della fiesta in strada. Arrivano Las Fallas 2016 e, come sempre, in pompa magna.

Stai pensando di regalarti una fuga romantica nel fine settimana in un hotel a Valencia di Petit Palace? Non esitare, Valencia ti aspetta e sì… ti possiamo garantire che la vorrai ripetere (specialmente se non ci sei mai stato prima).

Anche se ufficialmente Las Fallas sono iniziate il 1 marzo, il piatto forte della celebrazione non si presenta prima della metà del mese.

Durante i primi giorni del mese, la città di Valencia comincia a vestirsi di festa, mentre risuonano i primi mascletás e gli artisti falleros (artigiani che realizzano le figure) ultimano i dettagli dei loro ninot (pupazzi) e le famiglie cominciano a pianificare i loro itinerari per la città: las Fallas si vivono in strada e se possibile tra amici.

Se hai soltanto due o tre giorni per una vacanza last minute a Valencia, non esitare a scegliere la tua data tra i giorni 15 e 19 marzo, perché sono i giorni più importanti delle Fallas. Anche se il giorno 16 tutte le grandi figure devono essere già pronte, gli eventi che vanno dal 17 al 19 vanno dalla tradizionale offerta di fiori alla Virgen de los Desamparados (Vergine degli Abbandonati) alla meravigliosa Nit del Foc (Notte del Fuoco), che ha luogo il 18, di notte quando i fuochi illuminano il cielo a giorno.

Dado che il 19 sarà l’ultimo giorno possibile per ammirare l’arte dei maestri falleros prima che venga consumata dalle fiamme, ti raccomandiamo di prepararti a una buona levataccia e di goderti ogni pupazzo. Obiettivo? Fare un set fotografico per ognuno di loro (e ti possiamo garantire che lo farai).

Con il tramonto la festa giunge al termine. E lo fa in modo impressionante e sempre emozionante. La notte del 19 marzo è quella della ciliegina sulla torta in cui si brucia ogni figura (la Nit de la Cremà), solitamente attorno a mezzanotte e che imprime nella memoria momenti unici.

Share Button
comentarios