Il segreto dell’autentica paella valenciana

Il segreto dell’autentica paella valenciana

Share Button

È uno dei nostri piatti più internazionali: la paella valenciana non ha solo vita e storia propria (mettendo la bellissima città di Valencia su un piedistallo gastronomico), ma è una sfida per coloro a cui piace godere di questa cucina. Fare un’autentica paella valenciana ha i suoi misteri… ma è possibile riuscirci.

Se il Levante spagnolo è la tua destinazione per queste vacanze estive e hai scelto uno degli hotel di Petit Palace a Valencia avrai la grande fortuna di trovarti vicinissimo ad alcuni di quei ristoranti in cui devi assolutamente andare se desideri assaggiare una delle migliori paella di Valencia.

E anche se ti porti la ricetta sotto braccio, quali sono alcuni di quei palazzi della paella della capitale del levante? Prendi nota perché cominciamo dalla zona della Playa de la Malvarrosa, dove si trova La Pepica, un posto famoso per la sua paella e perché annovera tra i suoi clienti assidui (del passato) Ernst Hemingway o l’attrice Ava Gardner.

Tra i più chic della capitale figura il Bar Rausell, un luogo che (anche se un po’ distante dal centro e dalla Lonja o dalla Cattedrale) offre a suoi commensali una paella di primo livello in una decorazione squisita.

Se è questo che veramente ti chiede il tuo corpo, di visitare il Centro di Valencia e di assaggiare una buona paella vicino alla Cattedrale, non preoccuparti perché a poche vie di distanza ti imbatterai nel ristorante La Riua, uno dei migliori nella preparazione di una gustosissima paella valenciana. Non è il più glamour, né minimalista, ma vi garantiamo che la paella è buonissima.

E se una volta che sei tornato nella tua città desideri lanciarti e fare una paella valenciana in piena regola? Prendi nota perché ci sono alcuni segreti (da osservare) che non si possono ignorare. Se li segui scrupolosamente, ti possiamo garantire che diventerai un autentico “paellero”:

  1. Conoscere bene gli ingredienti che usano gli esperti e lasciare gli esperimenti ad altri.
  2. Puntare su una piccola paella (l’ideale è cominciare con una per 2 persone).
  3. Non usare l’olio di oliva (in quanto la carne rilascerà il proprio olio).
  4. Soffriggere la carne e le verdure… ma attenzione, soffriggere non “bruciacchiare”. Per evitare inconvenienti, mescola gli ingredienti ogni tanto. Tieni presente che il segreto sta proprio in questo punto.
  5. Controllare bene le quantità di riso rispetto al brodo.
  6. Aggiungere poco sale e molto affetto.

 

Share Button
comentarios